bonifica semplificata e procedura semplificata

Procedura semplificata di bonifica Ex Art. 242 bis

AmbientaleDicembre 15, 2018

Con il D. L. n. 91 del 2014 è stato introdotto nel Testo Unico ambientale l’art. 242-bis, rubricato “Procedura semplificata per le operazioni di bonifica e messa in sicurezza”, in aggiunta alla previsione di cui all’art. 249 di procedure semplificate di intervento riportate nell’Allegato 4 alla Parte Quarta del Testo Unico per le aree contaminate di ridotte dimensioni.

La procedura semplificata di cui all’art. 242-bis prevede che l’interessato a effettuare, a proprie spese, interventi di bonifica del suolo con riduzione della contaminazione ad un livello uguale o inferiore ai valori di concentrazione soglia di contaminazione (CSC) possa omettere la fase di preparazione ed esecuzione del piano di caratterizzazione e anche la fase dell’analisi del rischio sito-specifica e possa quindi presentare alla Regione direttamente uno progetto operativo di bonifica con indicazione dettagliata degli interventi programmati e delle relative tempistiche.

Entro 90 giorni la Regione, a seguito della convocazione dell’apposita conferenza di servizi, adotta la determinazione conclusiva che sostituisce a tutti di effetti ogni autorizzazione, concessione, nulla osta o atto di assenso comunque denominato.

Non oltre 30 giorni dalla comunicazione dell’atto di assenso, il soggetto interessato comunica la data di avvio dell’esecuzione della bonifica, la quale si deve concludere nei successivi dodici mesi, salva eventuale proroga non superiore a sei mesi. Qualora le operazioni di bonifica non risultino ultimate entro tale termine, deve essere avviato il procedimento ordinario.

Nel caso in cui le operazione si siano concluse nel termine previsto, l’interessato prepara e sottopone all’approvazione degli enti locali competenti il piano di caratterizzazione al fine di verificare il conseguimento dei valori di concentrazione soglia di contaminazione della matrice suolo per la specifica destinazione d’uso.

Una volta approvato il piano nei successivi 45 giorni, l’esecuzione è effettuata nel termine di ulteriori 45 giorni in contraddittorio con l’ ARPA territorialmente competente.

La validazione dei risultati della caratterizzazione da parte dell’ARPA, attestante il conseguimento dei valori di concentrazione soglia di contaminazione nei suoli, costituisce certificazione dell’avvenuta bonifica del suolo.

Ove i risultati della caratterizzazione dimostrino che non sono stati conseguiti i valori di concentrazione soglia di contaminazione, l’ARPA notifica le difformita’ riscontrate all’operatore interessato, il quale deve presentare, entro 45 giorni, le necessarie integrazioni al progetto di bonifica “che e’ istruito nel rispetto delle procedure ordinarie ai sensi degli articoli 242 o 252”, con il passaggio, quindi, all’analisi di rischio sito-specifica sulla base del piano di caratterizzazione comunque approvato ed eseguito in procedura semplificata, o almeno così può interpretarsi, a parere di chi scrive, la formulazione non cristallina della norma di cui all’art. 242-bis comma 4.

Ad ogni modo la procedura semplificata in esame non è applicabile alle acque di falda, che restano comunque soggette alla procedura ordinaria.

Nonostante sia evidente il positivo intento del Legislatore di incentivare un’accellerazione dei tempi impiegati per le operazioni di bonifica, sono state espresse alcune perplessità in merito all’opportunità e alla fattibilità, anche economica, della procedura semplificata.

In particolare si sottolinea che la scelta di redigere un progetto operativo di bonifica senza aver prima effettuato un’accurata caratterizzazione del sito presenta poche possibilità di successo ed espone quindi al probabile rischio di dover comunque provvedere alle operazioni di bonifica secondo la procedura tradizionale.

Inoltre l’esclusione dell’analisi di rischio sito-specifica comporta sicuramente una semplificazione del procedimento, ma proprio l’analisi di rischio in molti casi aiuta a ridurre la complessità e di riflesso i costi delle operazioni necessarie per la bonifica.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (5 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...