0
stimolazione transcranica

BCI e stimolazione transcranica: le implicazioni giuridiche

Il progresso neuroscientifico permette di comprendere chiaramente molti processi del cervello umano rivelando le attitudini individuali e le risposte agli stimoli grazie all’utilizzo delle tecniche di imaging cerebrale. Esse permettono di osservare il cervello in azione, ricostruendo i processi cognitivi ed emotivi e misurando la risposta dei neuroni agli stimoli esterni.

Leggi di più
0
piattaforma e learning per disturbi dell'apprendimento

Piattaforme e learning BCI e gli studi sui disturbi dell’apprendimento

Dislessia, disgrafia, disortografia, discalculia, sono tutti tipi di disturbi specifici di apprendimento. Questi disturbi si manifestano in una situazione di intelligenza normale e in assenza di disordini neuromotori, sensibili o psicopatologici preesistenti. Si tratta di un fenomeno molto diffuso che colpisce soprattutto i soggetti nell’età di sviluppo a cui, spesso, questi disturbi vengono diagnosticati in co-occorrenza piuttosto che sotto una singola forma.

Leggi di più
0
intelligenza artificiale pandslegal

AI: iniziative giuridiche e profonde riflessioni

In vista del proliferare degli impieghi dell’intelligenza artificiale (AI) e dell’abilità dell’AI di agire autonomamente, anche in modi imprevedibili, il crescente interesse negli aspetti etici e legali dell’AI è sintomatico.

Sembra che l’intelligenza artificiale abbia un grosso potenziale di apportare cambiamenti dirompenti alle strutture sociali  ed ai sistemi giuridici, dal momento che gli attuali ordinamenti giuridici evidenziano difficoltà nel fronteggiare la crescente opacità e lo sviluppo delle funzioni di auto-apprendimento di queste “macchine”, nonché  garantirne controllo ed affidabilità.

Leggi di più
1 2 3