SOSTENIBILITÀ E INNOVAZIONE

  • sono due metadiscipline, caratterizzate dalla intersezione di connessioni di nuclei concettuali propri di una moltitudine di discipline eterogenee.
  • la caratteristica principale è quella di essere due metadiscipline definite dai problemi e dalle questioni di cui si occupano, anziché dalle singole discipline che utilizzano.
  • entrambe integrano processi economici, sociali e ambientali, analizzati e gestiti con approccio fenomenico/olistico, in contrapposizione ai silos ideologo-disciplinari.
  • Prerequisito metodologico è la capacità di creare connessioni tra competenze disciplinari diverse e spesso apparentemente lontanissime tra loro.
  • il background formativo “tradizionale” del singolo studioso che si approccia alle metadiscipline di Innovazione e Sostenibilità, va relativizzato e integrato con la gestione di competenze concettuali distinte, ma necessarie al dialogo con gli altri specialisti.
  • Servono la capacità di fare riferimento (diretto e indiretto) a competenze differenti rispetto a quelle pienamente possedute e la valorizzazione delle Soft Skills.
  • il corpo di conoscenze origina dalla integrazione e dalla sintesi indivisibile di più esperti.

➥ Il pianeta e la società globale esigono una trasformazione verso un trattamento più responsabile del capitale naturale, del capitale sociale e del capitale economico.


Un futuro sostenibile è quello in cui sono perseguiti simultaneamente

• ambiente sano

• prosperità economica

• giustizia sociale

➥ per garantire il benessere e la qualità della vita delle generazioni presenti e future. 

È un processo di cambiamento in cui sono interconnessi e sincronizzati:

1) Sfruttamento delle risorse
2) Direzione degli investimenti
3) Orientamento dello sviluppo tecnologico
4) Cambiamento istituzionale

➥ valutando tanto il potenziale attuale quanto quello futuro

➥ per soddisfare e migliorare i bisogni e le aspirazioni umane.


SVILUPPO SOSTENIBILE E BUSINESS

Servono nuove idee, innovazioni cambi di paradigma.

Il panorama globale del business moderno è caratterizzato da un inedito, accelerato e complesso mix di rischi e opportunità.

Ogni singolo mercato può essere interrotto in breve tempo da innumerevoli fattori, che si tratti di tecnologie emergenti o di un’improvvisa mancanza di risorse naturali.

Nuovi mercati stanno emergendo rapidamente a seguito di megatrend (macrotendenze) come l’aumento della popolazione, la scarsità di risorse, i rischi per la salute e molto altro.

Al contempo i consumatori e gli investitori sono meglio informati che mai ed esigono che le aziende si assumano la responsabilità della pressione del nostro pianeta e delle dinamiche socio-economiche della popolazione mondiale.

Vi è una crescente comprensione, soprattutto da parte dei leader aziendali e degli investitori lungimiranti, di come non sia più sufficiente che le aziende si preoccupino solo dei profitti a breve termine, perché disastri naturali, disordini sociali, disparità economiche e mancato rispetto dei diritti umani possono danneggiare la prosperità a lungo termine.

Le aziende che comprendono questa sfida ed agiscono strategicamnete, anticipando questi fenomeni, potranno contare su un vantaggio competitivo durevole ed esponenziale.

L’approccio alla sostenibilità si è evoluto da una iniziale attenzione esclusivamente focalizzata sulla gestione del rischio e sulla elusione del danno, ad includere l’innovazione e la creazione di valore.

Pertanto, la combinazione di sostenibilità ed innovazione è oramai divenuta indispensabile per realizzare nuove combinazioni, che consentano di attuare un processo di innovazione che affronti e risolva le attuali sfide globali (Global Challenges).

La sostenibilità è universalmente riconosciuta come il fattore chiave più rilevante per l’innovazione nel 21 ° secolo.

Le questioni di sostenibilità si spostano sempre più al centro del palco nella politica, nei media, negli affari e nella società.

L’urgenza dell’innovazione sostenibile sta diventando internazionalmente riconosciuta come un contributo vitale, se non addirittura una panacea verso un futuro sostenibile.

sviluppo sostenibile e innovazione

Anche le opportunità economiche e commerciali correlate sono riconosciute come immense.

Misurare il progresso sociale (Social Progress Index) consente di tradurre i profitti economici in progresso delle prestazioni sociali e ambientali, le quali a loro volta, nel lungo periodo, permettono un ritorno economico ancora maggiore.

Ad un livello puramente aziendale, il corretto sfruttamento di strumenti di policy internazionale tra cui la GLOBAL AGENDA 2030 ONU, la Direttiva UE 2014/95 , gli Accordi di Parigi e molto altro, agevolano quelle organizzazioni che riducono al minimo i loro impatti socio-economico-ambientali e si impegnano nel realizzare nuovi sistemi flessibili di innovazione collaborativa, legati alla risoluzione dei problemi sociali-ambientali su scala globale.

Tramite un approccio strategico di questo tipo, le aziende possono vantare maggiori probabilità di soddisfare le aspettative degli investitori e degli stakeholder.


TEMATICHE DI SVILUPPO SOSTENIBILE

Ecco a seguire un elenco parziale ma significativo di quelle che sono le aree tematiche di cui si deve occupare, necessariamente con approccio olistico, l’esperto in sviluppo sostenibile.

(A)

CIBO 

AMBIENTE (clima, acqua, risorse naturali, vita marina, terrestre, produz e consumo sostenibili, etc.)

ENERGIA

SALUTE

SICUREZZA

(B)

INNOVAZIONE & TECNOLOGIA

INDUSTRIA 

INFRASTRUTTURE

ISTRUZIONE

(C)

CRESCITA ECONOMICA

OCCUPAZIONE

(D)

URBANIZZAZIONE

(E)

GIUSTIZIA (diritti umani, libertà fondamentali, contrasto alle armi, alla criminalità organizzata, alla violenza, al riciclaggio, alla corruzione, terrorismo, partecipazione democartica ,etc)

& 

GIUSTIZIA SOCIALE (ineguaglianza, povertà, tutela soggetti deboli, etc.) 

(F)

SICUREZZA INTERNAZIONALE 


L’etica paga? La Business Ethics nella strategia di impresa

In epoca moderna, le risorse intangibili rappresentano i fattori chiave per la competitività delle imprese.

La principale risorsa di un’azienda è data dalla sua reputazione, che nei bilanci trova valorizzazione nell’avviamento.

Ne consegue che il tema dell’ etica e quindi della Responabilità Sociale di Impresa diviene fondamentale:

la sopravvivenza a lungo termine di una impresa è possibile solo se la gestione e le sue strategie si mantengono rispettose di tutti gli stakeholder che esprimono attese nei riguardi dell’organizzazione stessa

La crescente attenzione del management all’etica ed alla sostenibilità è determinata da vari fattori:

  • necessità di controllare il sorgere di potenziali danni
  • gestione del rischio (costi crisi-correlati, sanzioni legali, esposizione dei manager a sanzioni personali/legali/reputazionali/finanziarie, costi di monitoraggio/transazione, pressioni sociali/politiche)
  • penalizzazioni correlate agli scandali
  • protezione della reputazione
  • costruzione/sviluppo del brand
  • contributi positivi: innovazione, produttività, crescita.

L’etica costruisce la fiducia nell’organizzazione, attrae gli investitori, migliora il morale e l’impegno dei dipendenti (riduzione del turn-over), crea un clima innovation/creativity-friendly, migliora il brand ed i prodotti/servizi, l’attrattività per la forza lavoro più qualificata, è un fattore di differenziazione dalla concorrenza, migliora lo standing aziendale presso la comunità locale ed internazionale, migliora altresì l’accesso alle opportunità.

La Business Ethics coinvolge quindi

➙ il funzionamento dell’organizzazione,

➙ le relazioni di mercato,

➙ lo standing sociale.

Il legislatore italiano è intervenuto sul tema con la normativa del D.lgs. 231/2001 in tema di responsabilità amministrativa delle imprese dipendente da reato, considerando il rispetto delle regole quale presupposto essenziale per favorire un’equa competizione tra le imprese e preservare un sistema sostenibile di concorrenza.

Ha pertanto richiesto alle società la predisposizione di:

  • un modello organizzativo
  • un codice etico
  • un comitato di sorveglianza

Pertanto l’implementazione di un modello organizzativo della governance aziendale è prerequisito per lo sviluppo sostenibile e rappresenta il primo passo pratico ed operativo per integrare strategie di future-proofing ed anticipazione alla business strategy.

In P&S LEGAL aiutiamo le imprese e le organizzazioni pubbliche ad aprire la porta al futuro, anticipando modelli di governance basati su innovazione sostenibile.

Contattaci per avere informazioni!