0
digital services act

Digital Services Act e Digital Markets Act: cosa sono e cosa prevedono

Tecnologie ICTSettembre 11, 2022

L’ascesa economica delle piattaforme online ha creato molte opportunità ma anche sfide che sconvolgono l’economia, le imprese, le società e la nostra vita quotidiana in un modo che non si vedeva dai tempi della rivoluzione industriale.

Queste tendenze sono state accelerate dalla pandemia COVID-19. Con Amazon che ha registrato un fatturato di 108,5 milioni di dollari nel primo trimestre del 2021 rispetto ai 74,7 del 2020 e Alibaba che ha superato i 1.000 miliardi di dollari di volume d’affari nel 2020, è necessario ristabilire l’equilibrio.

Le attuali norme dell’UE sui servizi digitali sono rimaste in gran parte invariate dalla direttiva sul commercio elettronico del 2000, mentre i recenti sviluppi, come la diffusione di prodotti e contenuti illegali e dannosi (ad esempio, merci contraffatte, discorsi d’odio, disinformazione e fake news), hanno dominato il dibattito sulla regolamentazione delle piattaforme online nell’UE.

Il Digital Services Act (DSA) e il Digital Markets Act (DMA) sono la risposta dell’UE alla necessità di aggiornamento delle norme sui servizi digitali. Entrambe le proposte legislative mirano a promuovere l’obiettivo politico chiave dell’Europa della sovranità digitale, liberando il potenziale del nostro mercato unico digitale e garantendo servizi digitali sicuri, equi, aperti e responsabili secondo i valori europei.

Il DSA e il DMA sono proposte legislative fondamentali di un quadro politico dell’UE da completare nei prossimi anni e da applicare in modo coerente con il resto dell’acquis digitale.

La DSA definisce un quadro orizzontale per la trasparenza, la responsabilità e la supervisione regolamentare di tutti gli intermediari online che offrono i loro servizi nel mercato unico, indipendentemente dal fatto che siano stabiliti nell’UE o al di fuori di essa.

La DMA regolamenta alcune grandi piattaforme online sistemiche, garantendo il loro comportamento corretto nel mondo online, e non l’intero quadro della concorrenza dell’economia digitale.

Il Digital Services Act (DSA)

Il gruppo Datori di lavoro del Comitato economico e sociale europeo (CESE) sostiene l’equilibrio raggiunto nel mantenere i principi chiave della direttiva sul commercio elettronico (esenzione di responsabilità per gli intermediari tecnici e divieto di obblighi generali di monitoraggio) e, allo stesso tempo, nel rafforzare gradualmente gli obblighi di trasparenza e diligenza a seconda del tipo di servizio di intermediazione.

Il principio del Paese d’origine, rafforzato da un migliore coordinamento delle autorità di vigilanza degli Stati membri, deve rimanere un principio fondamentale della legislazione.

Il nostro mercato interno è stato costruito sul riconoscimento reciproco dei quadri giuridici nazionali, il che implica la fiducia che tutti gli Stati membri proteggano i consumatori europei in modi diversi ma equivalenti.

Questa fiducia spiega la possibilità di affidarsi al principio del Paese d’origine e, quindi, l’opportunità per un’azienda di crescere in un unico mercato sulla base di un unico quadro normativo.

Parallelamente, per favorire una maggiore convergenza normativa nel mercato interno ed evitare il forum shopping per la ricerca del quadro normativo ottimale da parte di alcuni operatori economici, è necessario proseguire lo sforzo di armonizzazione delle norme di base tra gli Stati membri, nonché la cooperazione e l’assistenza reciproca, in particolare tra il Paese di origine in cui è stabilito l’intermediario di servizi e il Paese di destinazione.

Per contribuire a questa direzione, si potrebbe proporre che la DSA includa i meccanismi di cooperazione sviluppati a partire dal 2000, come il gruppo di esperti del commercio elettronico, la rete di cooperazione per la protezione dei consumatori e l’uso del sistema di informazione nel mercato interno.

Digital Markets Act (DMA)

Garantisce il giusto equilibrio in termini di flessibilità e sicurezza giuridica sulla base dei seguenti quattro assi:

  1. una lista chiusa di servizi fondamentali;
  2. una combinazione di criteri cumulativi qualitativi e quantitativi per designare i gatekeeper;
  3. una serie di obblighi immediatamente applicabili combinati con alcuni obblighi che richiedono un dialogo regolare;
  4. uno strumento specifico (indagini di mercato) per identificare nuovi gatekeeper, servizi o pratiche.

È necessario mantenere l’approccio cumulativo nel qualificare una piattaforma online come gatekeeper sulla base di tre criteri: dimensioni, dipendenza degli utenti finali e posizione duratura nel mercato.

I gatekeeper sono piattaforme che hanno un impatto significativo sul mercato interno e che fungono da importante punto di accesso per gli utenti commerciali per raggiungere i loro clienti.

L’approccio cumulativo è essenziale in quanto salvaguarda l’obiettivo iniziale della DMA, che è quello di regolamentare solo la manciata di grandi piattaforme che di fatto comandano su Internet. È altrettanto fondamentale per non ostacolare, attraverso una regolamentazione eccessiva, il potenziale innovativo e la scelta dei consumatori offerti da circa 10.000 piattaforme online europee più piccole, che contribuiscono notevolmente alla sovranità tecnologica dell’Europa.

Le questioni da evitare

Qualsiasi tentativo di mettere in discussione o indebolire il principio del Paese d’origine metterà in discussione le fondamenta stesse del nostro mercato interno. Creerà una forte incertezza giuridica per molti operatori economici e comporterà costi molto elevati, rendendo la legislazione addirittura impraticabile per le PMI.

Il ritorno a questo principio significherebbe che qualsiasi operatore online che commercializzi in diversi Paesi dell’UE dovrebbe rispettare tutte le normative nazionali (che non sono sufficientemente armonizzate) e le norme del Paese di destinazione. Pertanto, un operatore online dovrebbe monitorare 27 regimi giuridici nazionali oltre a rispettare le norme nazionali.

DSA e DMA: cosa serve per raggiungere l’obiettivo

Il pacchetto DSA/DMA ha aperto la strada verso la creazione di condizioni di parità per gli operatori online, ma per raggiungere questo ambizioso obiettivo è fondamentale:

  1. Garantire la coerenza del DSA e del DMA con il resto della legislazione digitale dell’UE, come il Regolamento generale sulla protezione dei dati, la Legge sulla governance dei dati, il Regolamento Platform to business, il Diritto d’autore nel mercato unico digitale e i Servizi audiovisivi.
  2. Adattare l’intero quadro giuridico dell’UE alle moderne sfide digitali. Le condizioni di lavoro, la tassazione, i dazi doganali, le norme sulla concorrenza, i diritti dei consumatori e la legislazione sull’economia circolare: un lungo elenco di norme dell’UE deve essere adattato ai nuovi modelli di business e alle nuove attività online.
  3. Stabilire la possibilità di una valutazione dell’impatto sulle PMI tra 2-3 anni dopo l’adozione della DMA e della DSA, al fine di valutarne gli effetti sulle piccole e medie imprese.

Per approfondimenti e per ricevere assistenza su queste tematiche contattaci senza impegno.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

Lascia un commento

Your email address will not be published.