0
Antropocene

Effetti della digitalizzazione e delle profonde trasformazioni: l’Antropocene

AmbientaleDicembre 28, 2018

Viviamo in un momento di profonde trasformazioni, un momento in cui le dinamiche acceleranti del cambiamento planetario stanno diventando sempre più percepibili.

Le azioni umane hanno raggiunto dimensioni paragonabili ai processi naturali del sistema terrestre e avranno effetti biofisici di lunga durata e di importanza geo-storica. Questi cambiamenti sono sempre più interpretati come i segni dell’ingresso in una nuova era geologica: l’Antropocene.

Alti livelli di cambiamento nelle nostre società sempre più tecnologizzate sono direttamente legati ai progressi raggiunti dall’uomo. I rapidi progressi della scienza e dell’ingegneria, del sistema energetico e del mercato del lavoro, assieme ai drammatici cambiamenti nell’economia globale e nell’economia politica, nonché l’impatto diretto di nuove forme di regolamentazione globale, stanno interessando sempre più le funzioni metaboliche degli habitat naturali a livello globale.

Una componente molto potente ma spesso trascurata in questa incursione a livello di sistema è la trasformazione digitale. Le tecnologie digitali segnano non solo un profondo cambiamento nel regno socio-economico e culturale, ma hanno anche un ruolo cruciale per l’ingresso dell’uomo in quello che chiamiamo l’Antropocene. Essendo sia un fattore scatenante che un indicatore di rapidi cambiamenti nell’economia globale, nei flussi di risorse e di energia, e nella gestione di richieste e forze complesse della società, la digitalizzazione è fondamentale per comprendere l’importanza del nostro attuale momento storico e risulta un perno attraverso il quale controllare i sentieri più pericolosi verso cui ci dirigiamo.

Una nuova forma integrata di scienza dovrebbe fornire una guida sui fenomeni di larga scala citati sopra, e dovrebbe fornire ulteriori strumenti per sviluppare azioni adeguate volte a controllare gli effetti di questi sviluppi. L’approccio integrato sembra fattibile, non da ultimo perché la svolta digitale ha già avuto molteplici effetti sul modo in cui la scienza è fatta.

Per studiare la crescente interazione tra le sfere naturali e una “tecnosfera” densamente popolata di dispositivi digitali, abbiamo bisogno di nuove modalità di ricerca sul funzionamento del sistema uomo-terra, che si concentrino sulla co-evoluzione e sulle dinamiche interne delle interazioni tra i due domini. Inoltre, tale ricerca sarà completa solo quando sarà adottato un dialogo aperto con la società, in cui sia possibile riflettere, discutere e plasmare il potere degli strumenti digitali in modo collettivo.

Questo articolo tenta di sottolineare aspetti che evidenzino come le tecnologie digitali operino sotto forma di mediatori efficaci nella transizione in corso nell’Antropocene.

 

Antropocene: la profondità storica del cambiamento

L’informazione ha effetti asimmetrici. Lettere e numeri sono mezzi di comunicazione quasi senza peso, ma forniscono la chiave per organizzare stati, muovere legioni e gestire economie. Sin dai primi esempi di alfabetizzazione e calcolo, le informazioni hanno permesso lo sfruttamento del territorio e i processi di urbanizzazione, i cicli di produzione e di trasporto a lunga distanza. Dalle tavolette cuneiformi della Mesopotamia, dal papiro nell’impero romano, dai codici medievali per la composizione moderna, dai segnali telegrafici nei cavi sottomarini o dall’infrastruttura di dati creata sulla scia della finanza automatizzata, i sistemi di informazione offrono sempre di più modi discreti di segnalazione e mobilitazione di sistemi sempre più sociali e materiali.

L’impatto delle tecnologie dell’informazione sulle società e sugli ambienti fisici non è quindi limitato ai tempi moderni. Eppure, lo stato attuale dell’asimmetria tra le informazioni codificate e i suoi effetti fisici sono incarnati dagli elettroni che passano attraverso microprocessori digitali che dirigono efficacemente i flussi materiali ed energetici all’interno di una “tecnosfera” che attraversa il globo, racchiusa dalle orbite dei satelliti che fluttuano tra i 40.000 km al di sopra della superficie terrestre e i 10 km nella litosfera.

Assieme all’aumento e alla diffusione delle tecnologie digitali vi è la c.d. “Grande Accelerazione“, vale a dire l’aumento esponenziale degli indicatori chiave delle tendenze socio-economiche e del sistema terrestre a partire dal 1950 circa.

Nella seconda metà degli anni ’40, invero, ebbe luogo una rivoluzione nella teoria dell’informazione (Claude Shannon), nella progettazione logica del computer (John von Neumann), nella fisica dei semiconduttori (William B. Shockley e Walter H. Brattain) e nella creazione della nuova scienza dei sistemi chiamata cibernetica (Norbert Wiener). Questa rivoluzione, non solo ha creato le basi tecniche del mondo digitale di oggi, ma ha anche contribuito alla trasformazione delle economie di guerra in società civili consumistiche, a partire dalla cultura anglo-americana che è passata dal carbone all’approvvigionamento petrolifero e al forte utilizzo di indicatori socio-economici come l’uso di energia primaria, il prodotto interno lordo, il consumo di fertilizzanti e la crescita della popolazione.

La rivoluzione dei computer coincise con il punto di flesso della Grande Accelerazione intorno al 1950, che è considerato come l’inizio dell’Antropocene in quanto tale. Il gruppo di lavoro sull’Antropocene del Comitato Internazionale di Stratigrafia, che ha il compito di identificare un marcatore globalmente sincrono per definire la base stratigrafica dell’età del genere umano, sta considerando il picco del plutonio come candidato primario. Il picco di plutonio è uno strato di radionuclidi marcato che si trova nei sedimenti e nelle carote di ghiaccio di tutto il mondo a causa della frenetica attività dei test nucleari iniziata nel 1945 e che ha raggiunto il picco nel 1962.

I primi computer furono determinanti nello sviluppo della bomba nucleare. La sfida presentata agli scienziati di Los Alamos – il sito segreto della seconda guerra mondiale in cui la bomba atomica fu progettata sotto la supervisione di Robert Oppenheimer – fu simulare accuratamente le reazioni di fissione, un compito impossibile senza aiuti informatici. Mentre i computer in stile scheda perforata erano ancora usati per calcolare i vasti numeri di equazioni differenziali per costruire la bomba atomica, il lavoro a Los Alamos è stato determinante per stimolare lo sviluppo di computer elettronici digitali, grazie soprattutto agli sforzi teorici di John von Neumann. Alla fine del 1945, il primo problema in assoluto da eseguire sul nuovo calcolatore e integratore numerico elettronico (ENIAC) fu un calcolo critico per lo sviluppo della bomba all’idrogeno. I massicci test in tutto il mondo di questa arma termonucleare, dal 1952 sono la causa principale del segnale del picco di plutonio che può essere rilevato negli strati distribuiti a livello globale. Lo scenario di pianificazione per la guerra fredda che seguì, fu basato sulle simulazioni effettuate dai così detti Metodi Monte Carlo, una serie di numeri casuali correntemente eseguiti su computer elettronici per guidare il processo decisionale basato sulla probabilità di fronte a un conflitto nucleare tra l’Est e l’Ovest.

In breve, l’era nucleare – probabilmente il segno distintivo più importante della cultura tecnologica del ventesimo secolo e ora considerato essere il punto di partenza stratigrafico dell’Antropocene – era direttamente legato all’avvio e all’ascesa dell’era digitale. Il segnale nucleare prominente nei nuovi strati appare anche come un effetto materiale del potere computazionale.

Nell’attuale ricerca storica, tali correlazioni cronologiche e materiali sono ancora poco analizzate. La ricerca futura dovrebbe quindi esaminare la reciproca penetrazione e il rafforzamento delle tecnologie dell’informazione in espansione e i tassi di produzione e di consumo, che sono parimenti in espansione. L’aumento esponenziale della connettività delle telecomunicazioni dagli anni ’50, è solo uno dei tanti indicatori di questo tipo. I primi computer digitali hanno iniziato ad aumentare significativamente le capacità umane aiutando i contesti militari e ingegneristici, così come la pubblica amministrazione, l’economia, l’esplorazione delle risorse, l’industria e, di conseguenza, le scienze naturali e sociali. L’intelligenza artificiale non è un nuovo concetto essendo stato introdotto a metà degli anni ’50 per estendere le possibilità di rappresentazione ed elaborazione delle conoscenze con le macchine. Molti dei primi sogni tecnocratici di processi cibernetici e autonomi all’interno della società non sono stati realizzati, ma con l’avvento delle reti informatiche – in particolare il design della rete dell’Advanced Research Projects Agency (ARPANET) e le tecnologie Internet di base come la commutazione di pacchetti e il protocollo TCP/IP (Transmission Control Protocol/Internet Protocol) – si è oggi materializzata un’intelligenza di rete intensiva.

 

Capitalismo digitale

Le informazioni che sono quasi istantaneamente condivise a livello globale attraverso le reti digitali hanno contribuito a un’accelerazione drammatica in tutti i processi all’interno dell’economia basata sul mercato. I mercati si sono sempre basati sul possesso e sullo scambio di informazioni riguardo i beni e la loro disponibilità; ma con l’introduzione delle tecnologie digitali e lo stato ubiquitario raggiunto, l’informazione è diventata l’unità di base dell’economia globale.

Inoltre, questa economia è ora sempre più sinonimo di sblocco, trasformazione, archiviazione, distribuzione ed elaborazione dei dati, come può testimoniare l’ascesa del capitalismo dei dati. La natura e le strutture di questi meccanismi di trasformazione e accelerazione e il loro impatto diretto sulla capacità del sistema terrestre richiedono sforzi di ricerca altamente integrativi.

La trasformazione digitale dell’economia mondiale va oltre gli ovvi casi di finanziarizzazione, del commercio ad alta frequenza di azioni e derivati ​​e delle transazioni in valuta digitale. Gli strumenti digitali e i mezzi di comunicazione influenzano profondamente anche il mondo reale della produzione agricola e industriale, la circolazione globale di merci, persone e biomassa, contribuendo anche a informare la pianificazione macroeconomica e il processo decisionale politico.

L’unico fattore che unifica queste attività oltre al loro appetito per le informazioni aggregate è l’energia e le risorse. L’effetto risultante da questo accoppiamento è che anche un’economia digitalizzata accelera l’economia fossile. Si intende automatizzare la produzione e la distribuzione, sincronizzare i flussi industriali e realizzare la produzione on-demand/on-time, esternalizzare il lavoro o formare un mercato del lavoro planetario per i lavoratori digitali, non solo aumentano l’efficienza con cui viene soddisfatta la domanda. Spesso viene trascurato l’effetto che ogni efficienza acquisita in un processo può portare alla produzione di ancora più beni e servizi. Questo, di nuovo, si traduce direttamente nel consumo di materie prime, prodotti ed energia. Di più, più velocemente e più in alto: questa è la promessa e anche l’effetto delle tecnologie di rete digitale.

Una buona parte di questa accelerazione è autocatalitica. La digitalizzazione dell’economia reale (“industria 4.0“) crea un tasso esponenziale di nuove interfacce tra agenti digitali e reali.

La complessità risultante può essere affrontata solo utilizzando nuovi strumenti digitali che tendono a contribuire a nuove interfacce. Un esempio per questa autocatalisi è la crescita dell’infrastruttura di business administration. Il termine “efficacia” diventa correlato all’unità di analisi; più si interpreta l’efficacia in termini di sistema, più discutibile è la produzione di effetti a vantaggio del sistema.

Oggi è chiaro che l’efficacia sempre crescente di questa accelerazione ha creato un cambiamento significativo nella creazione di valore economico e nell’accumulazione di capitale. Le più grandi aziende di valore (azionario) oggi sono aziende tecnologiche come Apple, Amazon o Alphabet. Pochi capitani d’industria hanno creato monopoli intelligenti che dominano sempre più la distribuzione della ricchezza. La loro innovazione consiste nel guidare le variazioni delle piattaforme per lo scambio e la proprietà di tutti i tipi di dati, scatenando una nuova catena di valori che mette in pericolo il vocabolario a lungo termine dell’economia politica e la sua attenzione al lavoro umano, alle merci o ai sistemi basati sul valore dell’utilità.

Mentre l’ascesa del capitalismo dettato dalle piattaforme informatiche ha forgiato una simbiosi tra online e offline come azienda modello, l’implementazione di tecnologie in rete come l’identificazione a radiofrequenza (RFID) e l’Internet of Things riguardano l’infrastruttura informativa a partire dalla sua fine per così dire fisica. L’Internet of Things prevede un’infrastruttura globale in cui oggetti fisici sono accoppiati con strutture informatiche onnipresenti e rappresentazioni virtuali all’interno di una rete elettronica, consentendo nuove forme di interazione intelligente tra questi oggetti. Dieci anni fa avevamo già raggiunto un punto in cui la connettività della macchina a Internet superava la connettività umana. Oggi guardiamo a circa 25 miliardi di dispositivi connessi e il numero sta crescendo esponenzialmente.

Il mondo fisico, sempre più popolato e penetrato da oggetti intelligenti, si trasforma in uno spazio di indirizzi in espansione esponenziale per reti computerizzate, tanto che si sostiene che abbiamo raggiunto una scala planetaria di computazione. Secondo il teorico dei media e del design Benjamin H. Bratton, la Terra è solo lo strato più esterno di “The Stack”, un sistema totalizzante di architettura di elaborazione delle informazioni che si estende da un bit all’altro.

 

Nessuna informazione senza materia ed energia

Le tecnologie digitali non forniscono solo l’infrastruttura di base per controllare il metabolismo industriale, ma sono anche i consumatori di risorse di prim’ordine. Attraverso l’intreccio della sfera digitale con il mondo fisico e l’energia reale e i cicli materiali, la comunicazione digitale è diventata strettamente collegata alle attuali dinamiche di deterioramento di risorse terrene. Nessuna infrastruttura computazionale può esistere senza la precedente trasformazione di materia e nessuna informazione senza la trasformazione di energia.

L’asimmetria di segnali ed effetti non dovrebbe quindi essere male interpretata. La tecnologia dell’informazione è l’opposto di una tecnologia immateriale. Anche il dispositivo più intelligente ha bisogno di metalli rari. Almeno 40 elementi chimici sono utilizzati in ogni smartphone, il che significa che portiamo circa un terzo della tavola periodica nelle nostre tasche.

Ciò che sembra essere un business quasi irrilevante di zeri e uno, di fatto utilizza più elementi chimici di ogni tecnologia precedente nella storia. Data la loro criticità, alcuni di questi metalli sono prodotti in quantità apparentemente piccole: si producono circa 120 tonnellate di germanio all’anno e circa 500 tonnellate di indio, sebbene questo non sia un indicatore della quantità di sforzo e di minerale necessari per produrre tali quantità.

Mentre abbiamo raggiunto un punto in cui materiali funzionali come l’indio possono imporre un collo di bottiglia a un’ulteriore crescita se i tassi di consumo continuano, c’è anche una quantità impressionante di rifiuti elettronici fisici che deriva dalla creazione, manutenzione e scartamento delle componenti microelettroniche delle macro infrastrutture.

Il materiale residuo dell’obsolescenza tecnologica, spesso tossica, segna la fase finale del ciclo di vita dei dispositivi digitali che contribuisce allo spreco crescente della tecnosfera.

Tuttavia, prima che muoiano, i dispositivi digitali consumano. L’economia digitale in espansione richiede un dispendio apparentemente crescente di energia primaria. Cloud computing, Internet of Things, funzionamento di piattaforme e reti neurali, tutti i dispositivi sempre accesi. La fame di energia elettrica del golem digitale è insaziabile. Un caso significativo è l’attuale tendenza a trasferire transazioni economiche in scambi di criptovalute e contratti intelligenti. Queste transazioni avvengono tramite architetture software blockchain che forniscono uno spazio arbitrale altamente decentralizzato e autonomo tra acquirenti e venditori. Ciò richiede un calcolo ad alta intensità di energia per garantire la validità di ogni transazione.

Vale la pena notare che l’attuale consumo di energia di Internet è paragonabile all’energia che investiamo nella produzione di ammoniaca per i fertilizzanti. Senza la loro esistenza, solo la metà della popolazione globale potrebbe essere nutrita sul nostro pianeta. La vita umana e il suo fondamento nell’ambiente globale non sono principalmente legati alle informazioni e al software, ma al mondo materiale dell’hardware biologico, chimico e fisico e alle loro interazioni con le sfere materiali globali in cui viviamo. Ma entrambi sono sempre più legati l’uno all’altro, co-dipendenti su enormi infrastrutture energetiche e da operazioni di mercato.

 

Sfere di dati nelle scienze e politiche naturali

Per molti le tecnologie di dati intelligenti sembrano essere in grado di offrire vie d’uscita dal dilemma di energia e risorse. Nuove pratiche contabili potrebbero migliorare i tentativi di allocazione delle risorse sostenibili riducendo l’intensità delle risorse di produzione, consentendo l’auto-approvvigionamento di energia rinnovabile.

Come storico dell’infrastruttura Paul Edwards scrive: “mescolando lo scarico dei dati sociali con informazioni fisiche e ambientali, una logistica focalizzata sull’ambiente potrebbe tagliare l’eccesso di energia e materiali nella produzione, trovare nuovi modi per riutilizzare o riciclare i rifiuti, e generare nuove idee per eliminare sottoprodotti tossici, emissioni di gas serra e altri metaboliti”. Però, nell’affrontare tali sforzi, gli effetti di rimbalzo dovrebbero preoccupare. Come afferma il famoso paradosso di Jevons, l’aumento dell’efficienza di una risorsa porterà probabilmente a un aumento del consumo di quella risorsa, in risposta a prezzi più bassi per accedervi. Bisognerà vedere se le tecnologie intelligenti e regolabili creeranno una differenza rispetto a tale regola.

Inoltre, le infrastrutture di conoscenza che funzionano con le tecnologie digitali forniscono i dati necessari e la valutazione delle strategie di mitigazione per ottenere notevoli successi nella regolamentazione ambientale e climatica. Il Protocollo di Montreal che ha effettivamente ridotto l’esaurimento dell’ozono, o l’Accordo di Parigi che si spera possa raggiungere lo stesso risultato per i gas a effetto serra a lungo termine, sarebbero stato impensabili senza il giudizio esperto di una rete globale di dati atmosferici e sforzi di modellizzazione del clima.

Saremmo probabilmente inconsapevoli e incapaci di quantificare il cambiamento globale se non fosse per le capacità metrologiche della tecnologia digitale. Le tecnologie digitali sono la spina dorsale per il monitoraggio e la comprensione delle attuali dinamiche dell’Antropocene. Il cambiamento climatico globale (per citare solo un esempio chiave) può essere osservato solo grazie alla disponibilità di grandi quantità di dati, strutture di calcolo adeguate e sofisticate.

In sostanza, l’era della comunicazione planetaria è anche l’era dell’osservazione planetaria e della simulazione. Modelli di sistemi terrestri, satelliti e altre reti di telerilevamento, aggregatori di dati ambientali e modelli di flusso di risorse significano che i media tecnologici sono diventati un punto di passaggio obbligato per percepire, analizzare e mobilitare le conoscenze geo-scientifiche.

Più ampiamente, questo discorso non riguarda solo la raccolta e la valutazione scientifica dei dati, ma tutti i tipi di conoscenza digitale, dalla “scienza dei cittadini” basata sui social media (come nel caso degli utenti di Instagram che condividono collage di relitti galleggianti che aiutano a tracciare correnti marittime) alle conoscenze immaginative tratte dalla semantica visiva dei cambiamenti climatici nelle carte e diagrammi digitali del Pannello intergovernativo delle Nazioni Unite sui Cambiamenti climatici (IPCC).

Alla fine, la svolta digitale influenza il modo in cui facciamo scienza in una miriade di modi. La digitalizzazione crea grandi opportunità perché colma una lacuna tra osservazione, sperimentazione, modellistica e teoria. Ma questo passaggio verso un nuovo mezzo (il digitale appunto) non solo rende la scienza più efficace, ma influenza anche i suoi criteri, ad esempio, quando parla di questioni di riproducibilità, affidabilità e spiegazioni causali.

La digitalizzazione pone domande nuove e stimolanti: quali compiti le macchine intelligenti possono gestire meglio degli umani? Dove interviene il giudizio umano? In che modo l’apprendimento automatico influisce sul processo decisionale? In che modo le macchine possono aiutare meglio gli esseri umani nelle loro decisioni? Dove si insinuano i pregiudizi? Che aspetto hanno le interfacce ottimali tra intelligenza umana e artificiale?

I dati personali disponibili su Internet offrono immense possibilità di abuso e manipolazione, come dimostrato dal caso della società di analisi dei dati britannica Cambridge Analytica, attualmente chiusa. L’azienda ha raccolto impropriamente informazioni personali da oltre 80 milioni di utenti di Facebook allo scopo di influenzare la formazione di opinioni politiche. L’obiettivo primario delle forze economiche contemporanee che attualmente guidano la digitalizzazione è un aumento dell’efficacia nel controllo dei processi sociali.

Il problema è che questo controllo si concentra su alcuni parametri di un’economia adattata, ad esempio, alla misurazione del tempo che gli individui trascorrono su una pagina Facebook, con l’obiettivo di massimizzare l’efficacia della pubblicità. L’intermediazione dei dati senza misure di salvaguardia o l’urgenza di assegnare un punteggio a clienti e cittadini, come nel caso dei sistemi di reputazione sociale, sono una minaccia imminente per una società libera.

L’ulteriore integrazione di tecnologie informatiche ubiquitarie nel tessuto profondo delle nostre società può diventare immensamente utile quando si adatta il metabolismo globale alle sfide dell’Antropocene. Ma può anche portare, attraverso il valore di alcune logiche aziendali che utilizzano (possedendoli) i nostri dati, a una società della sorveglianza di portata senza precedenti. Tali sviluppi potrebbero anche costituire un passo nella direzione di trasformare la sfera digitale in un’intelligenza auto-organizzante con un potenziale controllo sul comportamento umano, una potente arma politica che invita a un pericoloso uso improprio.

 

Verso una prospettiva integrata: geo-antropologia

Ciò che rimane è una situazione paradossale. Le tecnologie digitali hanno notevolmente contribuito a una frenesia di sfruttamento e consumo di risorse insostenibili con ​​produzione di rifiuti e ambivalenza politica, eppure appaiono come soluzioni valide per migliorare questi problemi.

I prossimi anni e decenni vedranno ulteriori drammatici cambiamenti nella tecnologia e un’economia guidata da un’innovazione tecnologica frenetica. L’apprendimento automatico e le reti neurali stanno scatenando un aumento esponenziale della potenza computazionale autonoma. Con ulteriori cambiamenti tecnologici – cambiamenti delle forme di lavoro, progettazione di nuovi materiali, biologia sintetica, nuovi sistemi energetici e nuove modalità tecnologiche di controllo e gestione delle risorse del pianeta – l’umanità industriale approfondirà ulteriormente la sua impronta sulla Terra e creerà ulteriori incertezze e vulnerabilità per abitarci in sicurezza.

Ciò che non possiamo perdere di vista è lo spazio terrestre. Siamo obbligati a trattare la “zona critica”, vale a dire lo strato di vita sottile ma estremamente complesso che si estende dalla bassa atmosfera alla parte superiore della litosfera, con doveri e attenzioni. Tuttavia, come scienziati e umanisti, ci manca un linguaggio e un metodo condivisi per cogliere il carattere interconnesso e completo dell’attuale minaccia per il nostro sistema di supporto vitale.

Come l’Antropocene, il digitale mescola le precedenti distinte categorie come la Terra, l’economia, la cultura e il sociale l’una nell’altra. Le nostre scienze, finora, questo non lo fanno.

Nuove forme di analisi sinottica, un nuovo quadro concettuale, nuovi strumenti di ricerca e nuove pratiche di ricerca saranno necessarie per interpretare e aiutare a mitigare e guidare le grandi trasformazioni in corso. Ciò di cui c’è bisogno è una ricerca indipendente in un settore fortemente caratterizzato dagli sviluppi tecnologici e dalla scienza applicata, ma anche interessi politici ed economici. Tale ricerca dovrà superare i confini tradizionali, anche tra le scienze naturali, le scienze sociali e le scienze umane. Sono necessarie molte connessioni trasversali tra i domini della conoscenza per cogliere la situazione attuale e l’interconnessione dei fenomeni che affrontiamo.

Alcuni chiamano tale ricerca “geo-antropologia”, ovvero la scienza dell’interazione uomo-terra. La geo-antropologia studia i vari meccanismi, le dinamiche e le vie che ci hanno spinto verso l’Antropocene. Una sfida chiave in questo quadro per la ricerca futura sarà quella di affrontare diverse metodologie di descrizione, tratte da molteplici forme di esperienza, che aiutino a spostarsi tra l’analisi di specifiche micro-sfere e la macro-sfera planetaria.

La sfida consiste sia nel comprendere le proprietà sistemiche dell’attuale trasformazione che avvengono su più scale, ma anche nel modellare attivamente il suo percorso futuro come parte di un più ampio dialogo con le parti interessate della società, delle arti, del design, della politica e dell’industria. La storia e la comprensione dell’Antropocene richiede l’utilizzo di una pluralità di conoscenze. Le prospettive sono aperte. La storia della scienza e della tecnologia ci dice che è in questi tipi di spazi aperti che può svilupparsi un lavoro critico e dirompente. Qui e oggi è per noi il tempo di capire e possibilmente contrastare le caratteristiche critiche di una tecnologia dirompente.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

Lascia un commento

Your email address will not be published.