0
sistemi di pagamento post covid

Sistemi di pagamento e i nuovi scenari post Coronavirus: Libra e Digital Yuan

Introduzione

La tecnologia, il denaro e i sistemi di pagamento sono tradizionalmente interconnessi fin dagli albori della civiltà umana ma, negli ultimi decenni, grazie ad un massiccio sviluppo tecnologico il denaro e i sistemi di pagamento si sono resi protagonisti di un rimodellamento senza precedenti.

La pandemia COVID-19 e la crisi economico-finanziaria del 2020 hanno incentivato l’impiego dei pagamenti elettronici, conducendo la digitalizzazione a nuovi livelli, in particolare proprio nelle modalità di pagamento.

In questo contesto, la maggior parte delle banche centrali non dovrebbe concentrarsi sull’introduzione di nuove forme di moneta basate sulla blockchain, ma piuttosto sulla trasformazione dei loro sistemi di pagamento già esistenti.

Nonostante una serie di progetti pilota e studi teorici in diverse giurisdizioni, la necessità di una più ampia adozione delle Sovereign Digital Currencies (SDC) a livello internazionale rimaneva, nella migliore delle ipotesi, discutibile.

I tre più importanti e moderni catalizzatori sono il Facebook’s Libra Project, la SDC Cinese e la pandemia globale COVID-19.

Questi tre catalizzatori stanno causando un fondamentale ri-orientamento delle tecnologie monetarie e di pagamento nazionali e internazionali, delle politiche e dei quadri normativi che regolano i sistemi di pagamento.

I tre catalizzatori sono diversi sotto tre aspetti.

In primo luogo, ognuno di essi ha, o è probabile che abbia, un effetto sistemico sui sistemi di pagamento nazionali e internazionali, per tal motivo ci si riferisce a loro come “catalizzatori sistemici“.

Secondo, tutti e tre i catalizzatori sistemici ora coesistono e non sono distanziati nel tempo.

In terzo luogo, tutti e tre si rafforzano a vicenda – gli sviluppi e i cambiamenti normativi che riguardano uno di essi spesso hanno un impatto diretto sugli altri.

In prospettiva, è probabile che non avranno un successo assoluto né gli Alternative Payment Systems completamente privati (APS) né le SDC strettamente pubbliche; piuttosto, come per i sistemi di pagamento esistenti, ci si aspetta che, sulla scia dei tre catalizzatori sistemici, emergano modelli ibridi che prevedano partenariati tra il settore pubblico e quello privato.

In queste architetture, gli accordi monetari rimarranno dominati dalle banche centrali – in particolare dalle grandi banche centrali dell’economia – con il settore privato coinvolto in varie configurazioni di pagamento.

Un tale quadro combina le opportunità di sostenere la globalizzazione attraverso la creazione di un quadro tecnologico comune per il denaro e i pagamenti a livello internazionale con il potenziale di frammentare il sistema monetario e finanziario globale in grandi blocchi valutari concorrenti.

Attraverso l’utilizzo di un simile modello, per la prima volta nella storia, la tecnologia permetterà la fusione tra sistemi monetari e di pagamento.

Il ruolo dello Stato nel sistema monetario e di pagamento

Oggi lo Stato svolge un ruolo centrale negli accordi monetari e di pagamento.

Al centro di tutti i moderni sistemi economici e finanziari vi sono i sistemi monetari e di pagamento, con una banca centrale generalmente responsabile del mantenimento della stabilità monetaria e della stabilità finanziaria al fine di sostenere il più ampio obiettivo economico.

La stabilità monetaria si basa su una valuta prescelta, la forma di moneta legalmente prescritta; la moneta e la valuta designata dallo Stato sono a loro volta concepite per fornire tre funzioni centrali: mezzi di pagamento, riserva di valore e mezzo di scambio.

I sistemi di pagamento costituiscono il collegamento fondamentale tra i sistemi economici e finanziari.

Le banche centrali svolgono quindi generalmente un ruolo centrale nel sostenere, regolare e sorvegliare i sistemi di pagamento: oggi, questi sistemi sono principalmente elettronici generalmente intermediati attraverso il sistema bancario.

Sistemi monetari e di pagamento contemporanei

Nei sistemi economici e finanziari contemporanei, lo Stato definisce il quadro del sistema nazionale dei pagamenti e ne sorveglia l’attuazione.

Gli enti pubblici, come le banche centrali, sono spesso direttamente coinvolti nella creazione o nella gestione di sistemi di pagamento al dettaglio e “all’ingrosso”.

Inoltre, le legal rules che determinano il carattere definitivo del pagamento e del regolamento, ovvero determinano quando i pagamenti diventano irrevocabili, forniscono ulteriore certezza e protezione agli utilizzatori del sistema di pagamento e all’economia in generale.

In una tipica e attuale operazione di pagamento, quest’ultimo, consistente in una registrazione contabile su conti in una o più valute, viene trasferito da un pagatore a un destinatario attraverso due intermediari, i Payer’s ed i Recipient’s Payment Service Providers (PSP).

Tuttavia, i PSP sono raramente collegati in modo diretto tra loro e si affidano ad una catena di PSP intermediari che gestiscono i collegamenti con altri PSP; a seconda dei casi, e a seconda di chi sia il PSP del destinatario, questi altri PSP possono essere un diverso tipo di banca oppure un diverso paese o regione di pagamento.

Ipotizzando una catena di intermediari che va dalla banca centrale al destinatario, ci si riferisce a quegli intermediari collegati alla banca centrale come intermediari di livello superiore (Top Tier IntermediariesTTI).

Prima degli anni Settanta, i sistemi di pagamento erano strutturati come sistemi di regolamento netto differito (deferred net settlement DNS).

Il differimento si riferiva alla differenza temporale tra l’istruzione di pagamento e l’esecuzione: nel DNS i rispettivi trasferimenti sono compensati e il saldo viene trasferito ad una successiva ora prestabilita, come ad esempio la chiusura del giorno lavorativo.

Al fine di ridurre i rischi che si sono materializzati col crollo della Herstatt Bank nel 1974, la maggior parte dei paesi si è orientata verso sistemi di regolamento lordo in tempo reale all’ingrosso (real-time gross settlement systemsRTGS), dove ogni pagamento viene regolato in tempo reale all’interno della giornata, rinunciando del tutto alla compensazione.

Poiché le banche centrali sono particolarmente brave a fornire liquidità a breve termine, i sistemi RTGS hanno generalmente accesso alla liquidità della banca centrale.

Inoltre, per garantire il carattere definitivo dei pagamenti, le transazioni devono avvenire attraverso un sistema di pagamento designato: ciò significa che la rispettiva banca centrale spesso assume la funzione di controparte centrale de facto di tutti i TTI.

Per evitare incentivi perversi, i sistemi RTGS non sono ampiamente disponibili per gli utenti finali: chi non dispone di un conto presso la banca centrale deve fare affidamento sui TTI che hanno tale accesso.

Le RTGS di solito non si occupano di pagamenti al dettaglio e di pagamenti non basati su TTI, con conseguente aumento dei costi e dei rischi per questi gruppi.

È qui che entrano in gioco i sistemi di pagamento rapido (fast payment systemFPS); in termini di velocità, gli FPS si collocano tra RTGS e i servizi finanziari digitali (digital financial servicesDFS).

Per “pagamenti veloci” si intendono i pagamenti in cui la trasmissione del messaggio di pagamento e la disponibilità di fondi “finali” per il beneficiario avvengono in tempo reale o quasi reale, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.

Aspetti legati alla progettazione ed alla regolamentazione dei sistemi di pagamento

Sono due gli obiettivi posti a fondamento della progettazione dei sistemi di pagamento: la sicurezza, e con essa la stabilità, l’integrità e la tutela del cliente, e l’efficienza.

Per ciò che concerne la sicurezza, le interruzioni di servizio dei sistemi di pagamento di importanza sistemica hanno il potenziale di innescare un temporaneo blocco delle operazioni di pagamento all’interno dell’intera economia.

Le interruzioni del servizio possono derivare da un’interruzione del processo di regolamento, dal mancato svolgimento delle rispettive funzioni da parte degli intermediari o da un’innovazione tecnologica dirompente.

In riferimento all’interruzione dell’insediamento, tutti i sistemi di pagamento soffrono di un rischio di regolamento o di pagamento, ossia il rischio che una controparte non riesca a consegnare il pagamento per motivi tecnici o finanziari: tale rischio è maggiormente riscontrabile nei sistemi DNS (a causa del regolamento differito) o negli FPS a causa del credito infra-giornaliero tra i PSP.

Altro aspetto da prendere in considerazione riguarda il livello di affidamento agli intermediari.

Laddove la maggior parte degli utenti dei sistemi di pagamento sono esclusi dall’accesso alla banca centrale, la definizione di requisiti prudenziali adeguati e proporzionati per i TTI e la promozione della fiducia pubblica in essi, ad es. tramite meccanismi di stabilità, isolamento dell’infrastruttura di pagamento e legislazione sul bail-out, rimane un tasto dolente.

I requisiti di licenza, la regolamentazione e la vigilanza, così come la limitazione dell’accesso ai sistemi RTGS alle grandi istituzioni regolamentate, sono tutti elementi fondamentali per la stabilità del sistema.

Come precedentemente affermato, l’innovazione ha il potenziale di sconvolgere il sistema dei pagamenti creando problemi di sicurezza e di integrità.

L’innovazione può riguardare:

L’aumento di efficienza, rappresenta il secondo compito che le autorità di regolamentazione dei pagamenti si trovano a svolgere.

Poiché i pagamenti sono la forma di performance dominante nella maggior parte dei contratti commerciali, costi di pagamento più elevati del necessario significano meno transazioni commerciali, il che si traduce in una minore crescita economica.

Una maggiore efficienza è raggiungibile attraverso: (i) minori costi di elaborazione, (ii) maggiore velocità di elaborazione, e (iii) ampliamento dell’accesso al sistema di pagamento.

I sistemi RTGS richiedono che i TTI e le altre PSP dispongano di liquidità sufficiente per funzionare correttamente.

Le tecniche di gestione della liquidità possono includere, ad esempio, trasferimenti di fondi supplementari prima di qualsiasi interruzione del servizio del sistema RTGS “core” o l’introduzione di un agente di regolamento.

Un settore in cui è assolutamente necessario aumentare l’efficienza è quello dei pagamenti transfrontalieri: “[C]ross-border i pagamenti al dettaglio rimangono lenti, costosi e opachi, con maggiori rischi da gestire”.

Un sistema transfrontaliero di grande successo è l’Area unica europea dei pagamenti in euro (SEPA) che è stata implementata attraverso le prime direttive sui servizi di pagamento (PSD I) e un accordo multilaterale tra tutti i PSP.

Concepita come standard aperto, in linea di principio la SEPA è aperta all’adesione di altri paesi; tuttavia, i prerequisiti – un’autorità di regolamentazione centrale forte che lavori a questo progetto per oltre un decennio e che richieda enormi investimenti infrastrutturali ai PSP europei – potrebbero non essere facili da imitare in altri contesti transfrontalieri.

La SEPA è un esempio eccezionale di ciò che si può ottenere quando le banche centrali collaborano con gli operatori storici per integrare le nuove tecnologie nei sistemi di pagamento.

I catalizzatori non sistemici: E-money, Bitcoin, Stablecoin ed Early SDCS

Le piattaforme di moneta elettronica (e-money, mobile money) sono stati alcuni dei primi disgregatori dei moderni sistemi di pagamento prima della crittografia.

La moneta elettronica permetteva alle banche non tradizionali, come ad es. agli operatori di telecomunicazioni, di offrire le proprie passività ai clienti per facilitare i pagamenti, anche se tali passività dovevano essere collegate alla fiat currency (nota come moneta flottante) depositata presso istituti finanziari autorizzati.

Tuttavia, nel complesso, gli effetti dirompenti della moneta elettronica sono stati limitati, poiché per sua natura non ha mai rappresentato una concreta minaccia alla dualità della moneta emessa dalle banche centrali e dalle banche commerciali.

Il primo vero sfidante per i sistemi di pagamento bancari esistenti è stato il Bitcoin.

Quando è stato lanciato, nel 2009, il Bitcoin è stato a malapena notato dalle autorità di regolamentazione finanziaria: oggi la situazione è cambiata, anche se meno drasticamente di quanto molti degli appassionati più accaniti della cripto-valuta avrebbero sperato.

Il Bitcoin è stato progettato per essere un’alternativa tecnologica, indipendente dai governi e dalle loro banche centrali, per sostituire le monete fiat che sono al centro dei sistemi finanziari a livello globale.

È stato concepito e lanciato come un concorrente attivo dei sistemi di pagamento e di moneta centrati sullo Stato; infatti, in oltre 10 anni dal lancio, il Bitcoin ha operato in modo stabile utilizzando il suo sottostante database DLT e la sua blockchain.

Oltre 2.600 spin-off di Bitcoin a livello globale hanno fornito ai regolatori una buona ragione per cercare opportunità per migliorare i sistemi monetari e di pagamento, guardando al potenziale della tecnologia sottostante, come la DLT (Distributed Ledger Technology).

In primo luogo, la DLT può ridurre i rischi di interruzione che mettono in discussione l’integrità dei sistemi di pagamento e, secondariamente, potrebbe fornire un database distribuito di informazioni critiche sui sistemi di pagamento aggiornato da soggetti autorizzati in tempo quasi reale.

Sia i sistemi RTGS all’ingrosso che quelli di piccolo valore potrebbero quindi offrire un regolamento ed una finalizzazione dei pagamenti veramente istantanei per tutti gli utenti finali dei sistemi di pagamento, dando luogo a FPS innovativi.

In secondo luogo, DLT potrebbe migliorare l’efficienza del sistema di pagamento:

  • DLT può fornire i mezzi tecnici per mantenere uno storico delle transazioni sicuro e a prova di manomissione che rifletta ogni operazione di pagamento storica;
  • una valuta digitale sostenuta dallo Stato potrebbe trovare un ampio consenso tra gli utenti finali e fornire una profonda liquidità, sostituendo migliaia di valute digitali alternative;
  • la sostituzione del contante con una moneta digitale simile al contante autorizzata dallo Stato può ridurre i costi di mantenimento della fornitura di moneta fisica e di protezione contro la contraffazione.

Nel corso degli ultimi anni, per fronteggiare problemi inerenti la trasparenza e l’incertezza di valore, sono state sviluppate delle monete stabili che collegano il loro valore a diversi beni, come le monete fiat o i metalli preziosi.

Tali monete prendono il nome di Stablecoins.

Tuttavia, i meccanismi di stabilizzazione sottostanti si presentano in molte forme, alcune delle quali possono ricreare i rischi valutari discussi nella sezione precedente.

Le Stablecoins sollevano una serie di questioni normative – in particolare nel contesto della regolamentazione dei titoli – ma nessuna è stata finora di importanza sistemica o reale nella sua sfida alle valute statali.

E’ auspicabile che le questioni di fondo relative alla maggior parte degli stablecoin possano essere affrontate in larga misura dalle disposizioni regolamentari esistenti in materia di integrità del mercato, custodia, regolamento e cooperazione transfrontaliera, anche se, un tipo particolare – “global stablecoins” – richiede particolare attenzione.

Dal momento che la regolamentazione diretta delle valute crittografiche basate su blockchain senza permesso è impervia, se non impossibile, un certo numero di paesi stanno ripensando il loro approccio alle valute crittografiche.

Invece di tentare di regolamentare le inafferrabili valute crittografiche senza emittente o centro operativo, la Banca del Canada e l’Autorità Monetaria di Singapore hanno condotto progetti pilota di valuta digitale sovrana con quelli della Riksbank svedese.

Inoltre, prima dell’annuncio della Libra avvenuta a metà del 2019, nonostante l’apparente interesse per il concetto di SDC, le banche centrali e i governi sono rimasti generalmente riluttanti a impegnarsi troppo a fondo nei progetti in questione per una serie di motivi, come ad esempio le limitazioni imposte dai quadri giuridici esistenti, l’esperienza deludente dei tentativi precedenti o i benefici incerti dei nuovi tipi di valuta.

Facebook’s Libra Project: il catalizzatore sistemico

Nel giugno 2019 Facebook ha proposto “Libra“, la prima “stablecoin globale” nata dal combinato tra un sistema di pagamento elettronico globale e un quadro di identificazione digitale in grado di competere efficacemente con la moneta emessa dallo Stato e con i sistemi di pagamento esistenti a livello nazionale ed internazionale.

La Libra è stata il primo catalizzatore di dimensioni e potenzialità sufficienti ad indurre le banche centrali a ripensare al loro precedente approccio alla SDC.

Tale approccio era caratterizzato da tre caratteristiche comuni.

Il primo aspetto inerisce alla circostanza che le iniziative SDC poste in essere prima di Libra sono andate raramente al di là dei progetti pilota in termini di fattibilità attuativa del DLT per i regolamenti interbancari, i regolamenti di titoli o i pagamenti transfrontalieri.

In secondo luogo, i pochi progetti della SDC che sono stati attuati sono stati eccezionali e non rappresentativi del potenziale delle SDC in generale.

In terzo luogo, si è riscontrata una disarmante carenza di studi d’impatto economico delle iniziative della SDC, i quali avrebbero il compito di valutare e confrontare criticamente i costi e i benefici previsti; tutto ciò suggerisce forse che la SDC sia rimasta, prima della metà del 2019, una soluzione alla ricerca di un problema da risolvere.

La Libra è quindi il primo esempio di moneta digitale che, per le sue caratteristiche, ha la possibilità di diventare di rilevanza sistemica, caratteristica che è sempre mancata alla Bitcoin e alla sua progenie.

L’evoluzione della Libra: pro e contro

Nel giugno 2019 Facebook ha rivelato i piani per l’introduzione nel 2020 di una propria cripto-valuta – combinata con un sistema di pagamento digitale globale e un sistema di identificazione digitale tramite Facebook / WhatsApp / Instagram Pay.

La Libra dovrebbe integrare tutta una serie di tecnologie innovative, dai nuovi algoritmi di consenso DLT ai nuovi standard di identità aperta.

L’impatto globale di tale cripto-valuta è altamente instabile: passare “too-small-to-care to too-large-to-ignore to potentially too-big-to-fail” nel giro di settimane o mesi.

Inoltre, comporta un ampio spettro di rischi per i consumatori e i sistemi di pagamento che richiedono una risposta normativa.

La Libra potrebbe:

  • indebolire l’effetto dei meccanismi di trasmissione della politica monetaria;
  • aumentare la domanda globale di attività all’interno della riserva della Libra;
  • mettere a repentaglio la stabilità finanziaria, poiché le perturbazioni della Libra potrebbero colpire contemporaneamente diverse economie;
  • minare la concorrenza nel mercato dei servizi di pagamento.

A ciò si aggiungono altri potenziali rischi che la Libra sarebbe in grado di sollevare, tra cui:

  • insufficiente certezza del diritto, a causa della scarsa chiarezza dello status giuridico della Bilancia secondo le leggi nazionali, che può comportare la sua caratterizzazione come moneta elettronica, moneta virtuale o titoli;
  • l’incapacità di garantire la resilienza operativa di una piattaforma valutaria su larga scala;
  • il mancato rispetto della protezione dei dati personali e degli obblighi in materia di antiriciclaggio e di finanziamento del terrorismo;

Tuttavia, gli sviluppatori della Libra non sembravano interessati ad aspettare che le autorità di regolamentazione arrivassero ad un responso congiunto, al contrario, sembravano concentrati sul semplice lancio del progetto per garantire un livello minimo di supporto per l’inizio dell’attività.

In assenza di un consenso globale, i singoli Paesi e le loro autorità di regolamentazione sarebbero stati lasciati a se stessi.

Tutto ciò è esemplificativo dell’ideologia di Mark Zuckerberg, fondatore Facebook: “Move fast and break things“.

Un simile approccio iniziale ha scaturito un contraccolpo normativo globale, che ha inevitabilmente condotto ad un approccio molto diverso dalla versione Libra 1.0 del giugno 2019 alla versione 2.0 dell’aprile 2020.

Gli sviluppatori di Libra hanno rifiutato l’algoritmo di consenso “proof of work“, che è alla base delle valute digitali alternative di maggior successo “a causa delle loro scarse prestazioni e degli elevati costi energetici e ambientali”.

Hanno, così, sviluppato un proprio modello, noto come “Libra BFT” che promette un alto through-put delle transazioni, una bassa latenza e un approccio al consenso più efficiente dal punto di vista energetico.

Nonostante i potenziali rischi e le sfide discusse in precedenza, la filosofia di fondo originale della Libra nel whitepaper Libra 1.0 per promuovere “il movimento di denaro globale, aperto, istantaneo e a basso costo” e, nella versione Libra 2.0 del whitepaper, “reti di pagamento globali, aperte, istantanee e a basso costo“, rimane molto interessante, dato che le principali sfide dei sistemi di pagamento, come i costi elevati e la mancanza di accesso alle infrastrutture di pagamento, non sono state risolte.

La Libra come Stablecoin globale

La Libra ha trasformato gli approcci, galvanizzando l’azione di politici, banchieri centrali e autorità di regolamentazione, con modalità che il Bitcoin e le altre cripto-valute non sono state in grado di realizzare.

Quindi, cos’è uno stablecoin globale“?

Come avviene per la maggior parte delle forme di infrastrutture dei mercati finanziari di importanza sistemica (FMI) o di istituzioni finanziarie di importanza sistemica (SIFI), la definizione può essere difficile.

Tuttavia, gli elementi di una stablecoin globale comprendono le dimensioni, la scala e l’inter-connettività.

Un ulteriore aspetto che le Global Stablecoins (GSC) richiedono è lo sviluppo di adeguati strumenti normativi e di supervisione in anticipo – strumenti che possono essere attivati quando viene identificato un progetto GSC o una GSC.

Il punto chiave è che l’esperienza della Libra dovrebbe essere utilizzata come un’opportunità per sviluppare sistemi globali attraverso l’FSB per identificare le SGC, per mettere in atto adeguate disposizioni di vigilanza e per monitorare le loro attività e il loro impatto.

In risposta al forte push-back delle autorità di vigilanza, nell’aprile del 2020 i parametri della Libra 2.0 sono stati annunciati in un nuovo whitepaper.

La Libra 2.0 riduce drasticamente l’ambizione originaria della Libra 1.0 di creare una moneta digitale globale; la versione 2.0 opta invece per una serie di monete stabili di valuta nazionale, collegate in una rete globale.

La Libra ha evidenziato come, per la prima volta, la tecnologia, il capitale e la scala esistano oggi per sfidare potenzialmente il paradigma dominante che le banche centrali emettono e controllano le valute.

Nel mondo della moneta, dei pagamenti e della tecnologia, si distingue tra mondo pre e post Libra.

Alla Libra si riconosce anche il merito di spinto le banche centrali a considerare come utilizzare la tecnologia per costruire migliori sistemi monetari e di pagamento come fondamento delle attività economiche e finanziarie.

Il Digital Yuan come catalizzatore sistemico

Nell’ottobre 2019, dopo alcuni anni di lavoro, la Cina ha annunciato il lancio del progetto “Digital Currency / Electronic Payment” (DCEP) per la creazione di uno “Yuan Digitale“.

A seguito della crisi finanziaria globale del 2008, la Cina ha avviato una politica di “internazionalizzazione del RMB” per promuovere lo yuan come una delle possibili valute di riserva mondiali alternative al dollaro USA; e quindi rivendicare per sé stesso alcuni dei “privilegi esorbitanti” che l’economia statunitense trae dal conio della valuta di riserva mondiale e per ridurre i rischi derivanti dalla percezione di un’eccessiva dipendenza dal dollaro USA.

I progetti della SDC si differenziano tipicamente per quattro grandi parametri di progettazione: (1) utenti, (2) portata, (3) architettura e (4) tecnologia.

In riferimento al punto (1), la gamma di potenziali utenti è molto ampia: alcuni progetti della SDC includono solo TTI, altri comprendono tutti gli intermediari (TTI e non TTI PSP), mentre altri cercano di includere tutte le transazioni all’ingrosso o anche tutte le transazioni al dettaglio.

Come per qualsiasi sistema di regolamento, tuttavia, l’efficienza dell’accesso alla banca centrale per le persone fisiche e non bancarie dipende dalla domanda: la disintermediazione è realizzabile solo quando entrambe le parti di un’operazione di pagamento hanno un conto presso la banca centrale.

In riferimento all’architettura distinguiamo tre diversi tipi di SDC: (a) centralizzata, (b) completamente decentralizzata e (c) ibrida.

Una SDC centralizzata si caratterizza per l’accesso diretto alla banca centrale.

In sostanza, ogni utente dispone di un conto presso la banca centrale dove le sue unità di valore sono memorizzate e disponibili per tutte le transazioni.

Tale struttura è necessariamente basata sul conto, il che significa che per accedere e spendere la valuta è necessaria una verifica basata sull’identità del proprietario della valuta, simile all’identificazione dei titolari di un conto bancario.

Si riscontrano somiglianze con i cosiddetti sistemi di “moneta elettronica” che si basano sullo scambio di valuta ufficiale per un saldo corrispondente (generalmente al valore nominale) con l’emittente (ad esempio un operatore di telecomunicazioni).

Per concezione, le SDC centralizzate sono sistemi autorizzati: mancano di qualità simili al contante, in particolare il cambio anonimo.

Una SDC decentralizzata assomiglia molto al Bitcoin e ad altre APS digitali decentralizzate. Uno di questi concetti, Fedcoin, è, al suo interno, una variante del protocollo Bitcoin che tuttavia gode di un tasso di cambio garantito nella valuta ufficiale (USD).

Una SDC veramente decentralizzata offre caratteristiche simili al contante, in particolare l’accettazione da parte di tutti i partecipanti al sistema indipendentemente dalla persona del pagatore e non richiede necessariamente l’identificazione e gli assegni KYC per ogni utente. Tecnicamente, il decentramento completo è realizzabile attraverso la tokenization.

Una SDC ibrida è una miscela di una DSC centralizzata e decentralizzata.

Anche se può utilizzare conti presso una banca centrale, non tutti gli utenti hanno bisogno di un conto di questo tipo: gli intermediari collegano gli utenti alla banca centrale, mentre ciascuno degli intermediari gestisce un proprio sistema basato sul DLT.

Molte recenti proposte della SDC suggeriscono un approccio intermedio in cui le banche centrali, attraverso controparti qualificate, forniscono l’accesso ai conti delle banche centrali.

A questi operatori sarebbe vietato concedere prestiti o assumere nuovi rischi sui fondi dei clienti.

Il modello teorico denominato RSCoin è istruttivo: la sua circolazione sarebbe assicurata da: (i) banca centrale che controlla l’offerta complessiva di RSCoin e (ii) i “mintettes” – operatori autorizzati dei sistemi di pagamento che sono responsabili della tenuta del registro delle transazioni basato su blockchain.

A differenza degli operatori Bitcoin, i “mintettes” non hanno bisogno di risolvere problemi matematici ad alta intensità di risorse – sono invece autorizzate dal regolatore a compilare i dati delle transazioni nelle proprie blockchain di livello inferiore.

Il Digital Yuan

La Cina ha cercato e sviluppato uno Yuan digitale per alcuni anni prima dell’annuncio della Libra.

Il design dello Yuan digitale è determinato dal contesto monetario, finanziario, economico e politico della Cina e dai relativi obiettivi del sistema.

Lo Yuan digitale – tecnicamente noto come l’iniziativa Digital Currency / Electronic Payment (DCEP) – mira a fornire un vero e proprio CBDC (un sistema monetario sostenuto dallo Stato piuttosto che un semplice sistema di pagamento).

Per quanto riguarda gli utenti, lo Yuan digitale sarà in gran parte limitato alle TTI, comprese le principali banche e le grandi aziende tecnologiche come Alibaba/Ant Financial e Tencent, anche se sarà potenzialmente disponibile per i privati attraverso i portafogli digitali.

Per quanto riguarda l’architettura, lo Yuan digitale è un sistema ibrido: i gettoni emessi possono essere trasferiti su conti al dettaglio o all’ingrosso.

Per quanto riguarda l’infrastruttura tecnica, lo Yuan Digitale attingerà ad un DLT basato su token, operando su una tecnologia blockchain che funziona su un DLT centralizzato autorizzato.

Lo Yuan digitale inizialmente non sostituirà il contante e sarà interoperabile con i sistemi di pagamento nazionali esistenti, ma non con i sistemi stranieri; anche se i partecipanti stranieri in Cina potranno utilizzarlo: sarà, inoltre, vietata la concorrenza da parte di soggetti privati.

Oltre a prevenire l’emergere di alternative (ad esempio la Libra) in Cina, lo Yuan fornisce anche una migliore fonte di dati per il monitoraggio dell’economia e dell’integrità del mercato (soprattutto se alla fine sostituisce il contante), nonché la centralizzazione del controllo dello strumento monetario sottostante in tutti i sistemi di pagamento della banca centrale, in particolare nel contesto di Alipay e WeChatPay.

L’impatto dello Yuan digitale deriverà dalle sue razionalità politiche di fondo, in particolare fornendo un ambiente monetario e finanziario alternativo che rimane di competenza della Cina, a differenza del dollaro USA o di una potenziale Libra.

L’intenzione è quella di aprirsi gradualmente alla partecipazione straniera, anche se non necessariamente al di fuori dell’ambiente cinese di internet e blockchain.

Una volta aperto all’estero, sarà un mezzo per internazionalizzare lo Yuan.

Al fine di mantenere l’importanza della propria valuta, le principali banche centrali risponderanno molto probabilmente con i propri CBDC: questo perché una volta che lo yuan digitale sarà abilitato all’uso nelle transazioni commerciali con l’estero, molto del commercio con la Cina sarà probabilmente (per ragioni di efficienza e convenienza) denominato in esso.

La pandemia COVID-19 come catalizzatore sistemico

Mentre la Libra ha generato risposte non ampiamente positive da parte delle autorità di regolamentazione e della società civile, il maggiore impulso al cambiamento del denaro e dei sistemi di pagamento è probabilmente venuto dagli sforzi del governo e della banca centrale per affrontare la crisi pandemica della COVID-19 utilizzando i sistemi di pagamento elettronico.

Tuttavia, l’impulso immediato, in questo momento, per i governi e le banche centrali a rivedere e ridisegnare i sistemi di pagamento elettronico esistenti viene fornito dalla crisi di COVID-19, come risultato della necessità di canalizzare in modo efficiente e rapido il sostegno finanziario ai singoli, alle imprese e ai sistemi sanitari.

Come evidenziato in precedenza, il COVID-19 sembra aver dato l’ultimo impulso allo Yuan digitale: con alta probabilità accadrà lo stesso con le altre banche centrali che cercano di trasformare digitalmente denaro e pagamenti.

A tal proposito è interessante confrontare gli approcci delle economie sviluppate nei confronti delle CBDC, con quelli di Canada, Svezia, Regno Unito e Singapore.

L’esperienza Canadese e Svedese

È probabile che gli esempi della Svezia e del Canada siano entrambi di diretta rilevanza per la maggior parte dei paesi che considerano questioni simili: entrambi sono paesi sviluppati, ma non grandi potenze o centri finanziari.

È quindi probabile che le loro razionalità e le loro esperienze siano molto rilevanti per la maggior parte degli altri paesi che cercano di implementare i CBDC.

I preparativi del Canada per l’emissione di un CBDC sono stati tra i più avanzati e sofisticati tra le economie sviluppate, insieme a quelli della Svezia (la più vicina all’effettiva attuazione), del Regno Unito e di Singapore.

Nel febbraio 2020 la Banca del Canada ha pubblicato un documento lodevolmente chiaro che analizzava i suoi piani di emergenza per un CBDC.

Questo documento ha chiarito che la Banca non aveva in programma di lanciare un CBDC, ma che stava costruendo le capacità per farlo, se necessario.

La Banca prevedeva due scenari in cui tale necessità poteva sorgere:

  • il Canada si trasforma in una società cashless;
  • la sovranità monetaria del Canada è minacciata da una valuta digitale privata non denominata in dollari canadesi.

La Svezia è generalmente accreditata come leader mondiale nel cammino verso l’assenza di contanti, e la sua banca centrale ha prodotto una serie di rapporti sostanziali che implicano chiaramente che la banca centrale emetterà un CBDC centralizzato prima di smettere di stampare denaro contante.

La banca centrale prevede che ciò avvenga entro il 2023 circa e prevede di non utilizzare DLT o blockchain nel suo CBDC.

Secondo le parole di Arvidsson, “la Svezia potrebbe diventare una società praticamente senza contanti nel 2023“.

La situazione in Regno Unito e a Singapore

Se è vero che le analisi del Canada e della Svezia sono molto probabilmente rilevanti per la maggior parte dei paesi del mondo in quanto si trovano ad affrontare sfide simili, anche gli approcci del Regno Unito e di Singapore saranno seguiti da vicino, visto il loro ruolo di centri finanziari di primo piano, in particolare per FinTech e RegTech.

Entrambi hanno preso in considerazione questioni simili a quelle della Svezia e del Canada.

Sono anche particolarmente preoccupati per il loro potenziale ruolo di intermediari tra le principali economie e aree valutarie: cosa fare per essere considerati il punto di snodo tra le principali valute digitali in futuro?

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

Lascia un commento

Your email address will not be published.